23Gen
By: Innoveazine Acceso: Gennaio 23, 2020 In: Innoveazine Comments: 0

Oggi abbiamo deciso di parlarvi di Brand Safety: pensate, secondo un sondaggio svolto da IAB Europe, il 57% dei brand considera ancora oggi la brand safety più importante rispetto al passato. Perchè? Semplicemente perchè ad oggi è stata acquisita una maggiore conoscenza e comprensione del problema.

La privacy, insieme al brand safety, costituiscono ancora oggi due temi caldi nell’universo della pubblicità online.

Le aziende, oggi più che mai, si informano sui luoghi della rete in cui i loro annunci vengono visualizzati, inoltre, stanno diventando sempre più consapevoli e precisi nella realizzazione delle loro pianificazioni media, cercando sempre più di puntare ad ambienti sicuri.

Il Brand Safety Poll dell’associazione rivela anche che per il 57% la brand safety è ancora più in cima ai pensieri rispetto agli anni passati (quando pure erano scoppiati casi eclatanti come quello di YouTube).

Nel mercato, per combattere i timori sulla brand safety, esistono diverse tipologie utilizzate: le principali risultano essere ancora blacklist e targeting per parole chiave, rispettivamente utilizzati dal 93,8% e dal 91% dei rispondenti. Seguono le whitelist all’87,8% e l’adozione di partner di verifica all’83,9%.

IAB Europe, in occasione del rilascio dei risultati del sondaggio, ha anche presentato il white paper “IAB Europe Navigator: Quality in Digital Advertising“, un documento dedicato ad aziende e agenzie in cui si descrivono le varie iniziative nazionali per promuovere la qualità degli spazi adv: dallo IAB UK Gold Standard allo IAB Quality Index italiano, dal Digital Ad Trust in Francia al BVDW Digital Trust Initiative tedesco, fino alle guideline messe a punto in altri Paesi come Finlandia, Spagna e Svezia.

Townsend Feehan, CEO di IAB Europe, ha commentato «I brand hanno paura del danno a livello di reputazione che può venire da ambienti pubblicitari non sicuri, e si aspettano più informazioni su dove i loro annunci vengono erogati e accanto a che tipo di contenuti –   Questa crescente sofisticazione e partecipazione nel settore sta creando un’attiva pressione al cambiamento, da cui trarrà beneficio l’intero sistema.